dental implant

Mancanza di osso per l'inserimento di impianti dentali.

Come è possibile inserire impianti dentali in presenza di atrofia ossea moderata o grave?

Spesso riceviamo richieste di informazioni, relative alla quantità di osso necessaria per completare una procedura di inserimento di impianti dentali. Nella maggior parte dei casi, il paziente ha provato diverse altre opzioni, ma i risultati sono stati insoddisfacenti.

Un fatto interessante è che ci chiedono direttamente se effettuiamo manipolazioni di aumento osseo, poiché ritengono che questo sia l'unico modo per loro di farsi impiantare impianti dentali, in caso di atrofia ossea moderata o grave. Potete trovare la nostra risposta nelle righe seguenti.
Inizieremo con la buona notizia! In NuriDent possiamo aiutarvi, non solo se avete un'atrofia ossea moderata, ma anche se soffrite di atrofia ossea grave, e tutto questo può essere fatto nell'arco di 3 giorni.

Che cosa sono gli impianti basali e in che modo si differenziano dall'impianto dentale classico (crestale)?


Esistono due tipi di impianti dentali, per quanto riguarda il momento in cui la costruzione protesica finita deve essere posizionata e rispettivamente quando vengono posizionati gli impianti veri e propri - con carico posticipato e immediato.
Negli ultimi anni, il trattamento degli impianti basali si distingue come strategia affidabile, con ampie indicazioni e possibilità quasi illimitate. Attraverso di essi è possibile ripristinare la mancanza di uno o più denti. Grazie agli impianti è possibile trattare oltre il 95% dei casi, che prima si risolvevano con l'uso di protesi.
Basale significa "fondazionale", ovvero l'impianto basale viene inserito nel nucleo dell'osso mascellare, rispetto agli impianti standard (crestali), che vengono inseriti nelle parti superiori (crestali) (cresta alveolare). Gli impianti basali sono una parte, rispetto agli impianti classici, vengono inseriti anche subito dopo il posizionamento dell'impianto vero e proprio, e questo è uno dei vantaggi di questo sistema.

Perché NON si ha bisogno di un aumento osseo, prima di iniziare la procedura di inserimento degli impianti basali?

.
Dopo l'estrazione di uno o pochi o tutti i denti, inizia un processo naturale di rimodellamento dei tessuti dentali molli e duri. Il riassorbimento o "fusione" più comune della cresta alveolare colpisce la spongiosa, ovvero l'osso degli impianti dentali "crestali" (classici). Per questo motivo, spesso il paziente deve essere sottoposto ad ulteriori procedure chirurgiche per l'aumento dell'osso (questo include tutte le manipolazioni chirurgiche, con l'obiettivo di creare una quantità di osso sufficiente per l'inserimento degli impianti classici).
Con l'implantologia basale, il metodo è completamente diverso. Tranne che per questo tipo di impianti dentali, gli impianti dentali sono un pezzo unico e vengono inseriti immediatamente e vengono inseriti nello strato osseo profondo (corticale), il che lo rende l'opzione più adatta per i pazienti con atrofia ossea da moderata a grave della mandibola (deficit osseo). Inoltre, dal momento dell'impianto, fino al momento dell'inserimento della costruzione completata in metallo-ceramica (i nuovi denti del paziente), passano solo tre giorni, il che la rende una scelta perfetta per i pazienti, che vogliono ripristinare rapidamente la loro funzione masticatoria.
Gli impianti basali sono adatti per pazienti con parodontite pratica grave e incurabile, anche per persone che soffrono di diabete, fumatori e pazienti con pressione alta.
Per fissare un appuntamento per un consulto, cliccate su qui .

Seyed Majid Noori Seyed Majid Noori
NuriDent
ul. 52 Zlatovruh
Sofia, , 1164 Bulgaria
+359887770703
https://nurident.com